ENDURO MTB: CHE BICI MI SERVE?

1_ErwinRonzon_team CMC - Copia
MONDIALE ENDURO: IL SOGNO AMERICANO DEL TEAM CMC
1 agosto 2016
paesaggio-prosecco-a
ALLA SCOPERTA TURISTICA DI VALDOBBIADENE, LA CULLA DEL TEAM CMC CYCLING EXPERIENCE
13 agosto 2016
Show all

ENDURO MTB: CHE BICI MI SERVE?

mtb 2

Avete cominciato a praticare Enduro in mtb ma non sapete ancora quali sono le caratteristiche che deve avere la vostra nuova bici?
Niente paura, questo articolo proverà a risolvere le vostre perplessità!
La premessa fondamentale è che per una disciplina come l’Enduro serve un mezzo polivalente, che dia il massimo in discesa ma che permetta comunque di pedalare bene e di esprimere potenza anche in salita.
Per quest’ultimo motivo la bici deve essere abbastanza leggera ma al tempo stesso avere una struttura robusta, poiché le sollecitazioni ricevute lungo il percorso sono davvero forti.
I telai generalmente sono full suspended in alluminio o in carbonio con forcella anteriore ammortizzata da 150-170 mm di escursione e steli maggiorati da 34-36 mm di diametro.
L’escursione alla ruota è la lunghezza che la ruota è in grado di coprire quando la sospensione arriva a fine corsa. Quanto più la ruota è in grado di muoversi verso l’alto, quanti più saranno i millimetri di escursione.
La ruota posteriore prevede un escursione variabile tra i 140 e i 160 mm.
Scegliere un’escursione ridotta consente di ridurre la dispersione di potenza in salita guadagnando in termini di reattività e guidabilità nello stretto.
I contro sono una minore stabilità nei rettilinei veloci e una leggera perdita di assorbimento negli impatti.
Caratteristiche che invece garantisce una maggiore escursione, la quale esalta le doti dei discesisti più esperti , aumentando il senso di sicurezza dei neofiti.
In questo caso si pagherà qualcosina in salita e in termini di maneggevolezza.
Le ruote da Enduro possono essere da 26”, da 27.5” o da 29”, con dei cerchi ben costruiti per resistere meglio agli impatti mentre le gomme dovrebbero avere una sezione di almeno 2’25”.
Per quanto riguarda la trasmissione la ruota davanti è dotata generalmente di una monocorona (ma può essere anche doppia) mentre il cambio posteriore generalmente prevede 10-11 velocità.
Dedichiamo una piccola parentesi anche all’importanza del tubo superiore che contribuisce a regolare la propria posizione in sella. Ci vogliono almeno 60 cm di lunghezza per far assumere a un biker di 1.80 cm una posizione più centrale che consente di distribuire meglio il suo peso sulla bici.
Di conseguenza la ruota anteriore potrà grippare meglio, aderendo più facilmente al terreno sconnesso.
Quasi tutte le bici da Enduro infine dispongono di un reggisella telescopico che regola la lunghezza della sella tramite un comando posizionato sul manubrio. Abbassare istantaneamente l’altezza a cui si pedala e di conseguenza il proprio baricentro consente di aumentare la maneggevolezza della bici e la velocità del mezzo, dei fattori senza dubbio fondamentali per gli enduristi più competitivi.

Adesso che avete scoperto di più sulle bici da enduro non vi resta che scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze e ai vostri gusti per potervi immergere a pieno nel mondo di questa emozionante disciplina!

 

mtb